sabato 7 maggio 2011

Una classica rosa rampicante rossa: Paul's Scarlet Climber

La mia Paul's Scarlet per intero
Da quando ho cominciato a prendermi cura del giardino personalmente non amo molto i fiori rossi: fatico ad abbinarli a quelli di altri colori, mi sembra sempre che "sparino", li trovo troppo sopra le righe. Non  eliminerei mai, però, questa piccola rosa rampicante che ho identificato come Paul's Scarlet Climber: Non è solo per una questione affettiva, ma anche perché ha dei fiori dalla forma davvero graziosa, con le corolle riunite in mazzetti che si reclinano dolcemente verso il basso e un rosso ciliegia vistoso ma non così comune. 

CARATTERISTICHE


- Fioritura e fiori


La Paul's Scarlet Climber fu creata dall'inglese William Paul nel 1916 e diventò da subito la rosa rampicante rossa preferita in  tutto il mondo. Fu in seguito soppiantata dall'introduzione di nuove varietà di rampicanti rosse rifiorenti, ma resta tuttora molto diffusa.
Nel mio giardino la Paul's Scarlet è una delle prime rose a fiorire e quando si ricopre completamente di mazzolini rossi attira gli sguardi di tutto il vicinato. La sua fioritura è duratura e imponente, ma praticamente unica: nel corso dell'estate può comparire sparuta qualche rosa, ma si contano sulle dita di una mano.
I fiori sono semidoppi e a coppa; il rosso dei petali diventa a mio parere più bello mano a mano che la rosa sfiorisce, perché da rosso acceso diventa rosso ciliegia. Qualsiasi immagine, comunque, non rende giustizia a Paul's Scarlet Climber: il rosso è un colore davvero difficilissimo da fotografare! 

In questa immagine il colore del fiore è più realistico che nelle altre
- Foglie e spine

Le foglie sono di un verde medio, le spine non particolarmente aggressive: i rami si maneggiano bene anche quando si deve potare.

- Profumo

Il profumo non è di certo tra le qualità di questa rampicante: è quasi inesistente... Di peggio ho solo la banksiae lutea...

Sul colore non ci siamo, ma la forma delle corolle si capisce perfettamente
- Dimensioni

La mia Paul's Scarlet copre in lunghezza circa tre metri di recinzione. Si tratta, quindi, di un piccolo rampicante, adatto proprio a rivestire recinzioni o piccoli archi e pergole.


- Rusticità

Il mio esemplare è posizionato in pieno sole ma i fiori non ne soffrono in alcun modo, e lo stesso dicasi per la pioggia. E' una pianta piuttosto sana: le faccio il solito trattamento contro la macchia nera a inizio stagione e poi nient'altro. Può capitare che a fine estate si prenda un po' di macchia nera e può essere attaccata da qualche afide, ma niente di serio.

POTATURA

La tratto come una rosa non rifiorente, perciò accorcio i rami nuovi a due o tre gemme e cerco di guidarli in orizzontale in modo da farli fiorire su tutta la lunghezza e, quindi, non farli svuotare in basso.

ABBINAMENTI

Gli abbinamenti col rosso secondo me sono da professionisti... Io non li so mica fare... L'aiuola alle spalle della Paul's Scarlet è un arcobaleno sperimentale di bianco, blu e rosa... Sono alla ricerca di ispirazioni!
E su questa nota dolente chiudo la mia recensione di oggi!


La rosa Paul's Scarlet Climber con tradescantia
Phyllis Bide e Paul's Scarlet Climber
Phyllis Bide e Paul's Scarlet Climber

4 commenti:

  1. la tua rosa è uno spettacolo complimenti!
    Ornella

    RispondiElimina
  2. Il cespuglio fiorito è bellissimo . A me piace mettere il rosso col bianco , come nei rosai delle fiabe , ma nel mio giardino ho fallito la rosa bianca, ho dovuto spostarla perchè non fioriva , ora sta benissimo, ma la Sevillana rossa è rimasta senza il suo alter ego bianco.

    RispondiElimina
  3. Sto provando come hai fatto tu con una rosa bianca, ma non si decide a fiorire perché la rampicante è così grande che le lascia poca luce! Se l'insieme risulta carino magari lo fotografo! P.S.: anche la tua Sevillana ha un colorino rosso impegnativo...!

    RispondiElimina

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...