venerdì 13 febbraio 2015

Talee di White Meidiland a febbraio? Ci provo!

Particolare di un fiore di White Meidiland 
La scorsa estate un amico mi ha chiesto qualche talea delle mie rose White Meidiland per il suo giardino. 
Ho acconsentito volentieri ma il lavoro in quel periodo dell'anno mi assorbe sempre così tanto che  ho completamente dimenticato di fargliele: proverò quindi per la prima volta a taleare delle rose in vaso a febbraio! Doppia sfida! Chissà se avrò successo!
Purtroppo quest'anno non ho molti rami a disposizione perché anche le rose White Meidiland sono tra le vittime fatte da mio padre in un pomeriggio estivo che deve essere stato per lui particolarmente noioso! Questi sono gli svantaggi del gestire un giardino familiare...

PROCEDIMENTO

A. Scelta e taglio dei rami da utilizzare come talee

1. Ho scelto porzioni di ramo di rosa cresciuti nel corso della passata stagione. 
Dalla potatura sono riuscita a recuperare solo otto rametti
abbastanza lunghi per tentare la sorte! 


I rami di White Meidiland prima di essere sistemati per essere utilizzati come talee
2. Ho tagliato i rami obliquamente, con un angolo di 45° dalla parte opposta alla gemma. 
Il taglio corretto è quello di sinistra; quello a destra è errato.


Immagine tratta dal libro La rosa. Classificazione, scelta, cure colturali
Ho ottenuto, quindi, dei bastoncini dritti lunghi una quindicina di centimetri.

B. Preparazione e sistemazione dei vasi

1. Ho posto sul fondo di piccoli vasi di plastica uno strato di argilla espansa e ho finito di riempirli con terra.

2. Ho inserito ciascun ramo nella terra del proprio vasetto. Nei vasetti più grandi ho inserito due rametti a una distanza di dieci centimetri tra loro.
Non immergo mai le talee in acqua prima di piantarle né uso ormoni radicanti. Io non l'ho mai fatto ma diversi testi consigliano di farlo. 



3. Ho innaffiato i vasetti in modo da eliminare le bolle d'aria all'interno della terra.

4. Ho coperto ciascun vaso con un sacchetto di plastica in modo che le talee all'interno possano godere di un'umidità leggera e costante.

5. Ho sistemato le talee in una zona luminosa e riparata.



Spero che tra un mesetto inizino a formarsi nuovi germogli! 
Vi terrò informati!
Fonti

 - Ferioli E. (a cura di ), La rosa. Classificazione, scelta, cure colturali, Giunti Editore 2009, pp. 71, 92-93.  

Nessun commento:

Posta un commento

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...