domenica 24 luglio 2011

Creare o non un nuovo vialetto "segreto"nel mio piccolo giardino?

Piantina 1: Il cambiamento che ho in mente riguarda quello che 
ho indicato come Giardino B. Le parti in rosso, naturalmente, 
indicano la casa e le sue pertinenze. 
Fino allo scorso anno una stretta striscia di terreno retrostante il garage di casa e adiacente alla zona principale del mio piccolo giardino era adibita a orto; poiché, però, la siepe del vicino è cresciuta e non c'è più abbastanza sole per le verdure, questa striscia è stata convertita in semplice prato. 
Quando quella zona era adibita ad orto non comunicava con  il "Giardino B" ma avevo, anzi, pensato di creare una specie di muro vegetale che ne impedisse la vista. L'elemento principale di questa divisione era (ed è) costituita da un archetto ricoperto da una Clematis Ville de Lyon e da una rosa Kathleen di cui ho già avuto occasione di parlare. Sotto l'arco si trova una panca di legno alle cui spalle dovevano esserci due piante di Euphorbia. Le Euphorbie originarie sono morte, ma sono rimaste le loro "figlie", spostate più di lato rispetto alle prime. 
   
Piantina 2: Il giardino B è attraversato da un camminamento 
in lastre in graniglia rettangolari  e pietre grigie irregolari che 
insieme ricordano la forma di una lente d'ingrandimento ; il 
rettangolo marrone indica la panchina e la zona dell'archetto 
fiorito. 
Passando davanti a questa zona in questi giorni mi è venuta un'idea bislacca: far rientrare nel giardino principale il vecchio orto.
Togliendo la panca (disegno 1) e aggiungendo delle piastre di pietra potrei collegare al vialetto circolare esistente (piantina 2) uno di nuovo che correrebbe lungo il retro dei magazzini fino a raggiungere il "Giardino C" (piantina 1).  Tra il nuovo vialetto e la rete di recinzione che separa il mio giardino da quello dei vicini resterebbe poco più di un metro di terreno libero in cui potrei piantare (con molta calma) rose o, forse meglio,  ortensie (disegno 2). 
Nella zona retrostante l'arco ci sono alcune piante che dovrei spostare: un paio di Euphorbie e, soprattutto, la stupenda rosa Charles de Mills che ho comprato quest'anno! Mi secca trapiantarla proprio adesso che si è ambientata, ma è anche vero che ora come ora si trova in un posto in cui non si vede, mentre creando una nuova zona di passaggio godrebbe della visibilità che merita...
Ecco qualche disegno che descrive la situazione attuale e quella che potrei ottenere attuando i cambiamenti che ho pensato! 


Disegno 1: La situazione attuale: sotto un arco ricoperto da una 
clematis e una rosa si trova una panchina di legno con 
Euphorbiae alle spalle

Disegno 2: Secondo la mia nuova idea la panchina andrebbe 
eliminata e  si dovrebbe creare al di sotto dell'arco un 
nuovo vialetto


Ora mi sto chiedendo se valga davvero la pena mettere in atto questo progetto o se sia meglio lasciarlo rimanere nel Mondo delle Idee... Ho provato a darmi una risposta usando un metodo scientifico, un elenco di pro e contro...


Pro

- il giardino avrebbe un aspetto più continuo;
- Le rose piantate dietro l'arco si vedrebbero  molto di più se disposte lungo un vialetto;
- il fascino della novità;

Contro:

- dovrei cambiare il progetto originario della panca sotto l'arco fiorito: ma questo nuovo progetto è davvero migliore del primo?
- dovrei spostare alcune piante;
- dovrei comprare le  lastre per il vialetto e questo infastidirebbe il mio portafoglio.

Cosa fare, quindi??? Nonostante il mio magico elenco non lo so proprio!!!


Nessun commento:

Posta un commento

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...