martedì 27 marzo 2018

Esperimento ispirato alla tv: canne di bambù per divaricare i rami di una rosa

Qualche settimana fa, mentre facevo zapping, sono capitata su un canale in cui stava andando in onda un programma, "Giardinieri in affitto", in cui una famiglia viene aiutata a valorizzare il proprio giardino da un progettista e da un giardiniere (con un delizioso accento inglese). 
Mi sono soffermata a guardare la puntata perchè in quel momento il giardiniere stava mostrando alla padrona di casa come utilizzare delle canne di bambù per tenere divaricati i rami di un giovane albero da frutto piantato molto vicino a un muro in modo che, nonostante la posizione poco felice, la sua  chioma potesse crescere ampia e ariosa. 
In cosa consisteva il procedimento?  
Su entrambe le stremità di una canna di bambù veniva realizzata un'incisione a "v", in ciascuna delle quali sarebbe stato alloggiato uno dei due rami da tenere allontanati tra loro. La zona di appoggio dei rami dell'albero alla canna di bambù veniva prima protetta da eventuali danni da sfregamento annodandovi attorno una striscia di pannospugna da cucina. Era la stessa forza di repulsione tra i rami a tenere la canna di bambù in posizione: mi è sembrata un'idea molto ingegnosa e me la sono segnata per il futuro.
In seguito mi è venuto in mente che avrei potuto provare a riadattare questa tecnica per la mia Rosa chinensis mutabilis, che negli ultimi due anni ha avuto qualche problema di crescita: si è piegata tutta in avanti, lasciando nella zona sinistra della chioma un grosso buco. I rami rimasti nella zona retrostante, invece, sono ammassati gli uni sugli altri.
Qualche giorno fa il mio vicino di casa ha ridotto di larghezza un gruppo di canne di bambù, così gli ho chiesto qualche scarto per tentare l'esperimento. Purtroppo, essendo ancora verdi, le canne di bambù del vicino non erano facilmente lavorabili come quelle secche del programma televisivo. Alla fine, invece che per lo scanso a "v", ho dovuto optare per un'incisione verticale  delle canne. Ho inserito all'interno dell'incisione i rami, che ho anticipatamente protetto con vari giri di strisce di stoffa ricavate da un vecchio strofinaccio (alternativa al pannospugna proposta all'interno del programma televisivo). 
Funzionerà? Tentar non nuoce, no? 
A presto per aggiornamenti!

Il punto in cui ho inserito le canne di bambù per allargare i rami della rosa cresciuti troppo uniti

L'esperimento visto da vicino

Gruppo di bambù del vicino

Nessun commento:

Posta un commento

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...