venerdì 23 gennaio 2015

Prima e dopo: il giardino dopo le potature (prima parte)

Le potature sono iniziate da qualche giorno e ormai sono proprio a buon punto! Credo che  per terminare basterà un altro paio di pomeriggi!
La rosa moschata Kathleen è stata potata da mio padre istigato da un vicino di casa: in primavera evidentemente tutti gli  anziani del circondario si devono riunire davanti alla recinzione del nostro giardino per dare direttive! Almeno sapessero di cosa parlano! Almeno avessero dei rosai! Non capisco perché mio padre puntualmente dia loro ascolto! Quando sono tornata a casa e ho visto che la rosa era stata potata senza che io ne sapessi niente mi sono proprio irritata! Comunque è andata così! Magari quest'anno sarà bellissima... 

Rosa moschata Kathleen

Ecco una rosa diventata molto difficile da gestire nell'ultimo paio d'anni, la rampicante Paul's Scarlet Climber
A causa delle modifiche della recinzione di casa la ho dovuta ridurre di due terzi. Nella prima foto in alto a sinistra del riquadro si vede com'era in origine: poteva occupare almeno il doppio di spazio! Lo scorso anno ho cominciato a impostarla nella nuova direzione: nella seconda foto in alto a
destra la si vede com'era ancora qualche giorno fa, a metà dell'opera di potatura. Oggi con l'ausilio di lacci di plastica ho abbassato ulteriormente il tronco principale in modo da dirigere i futuri rami lungo la recinzione rimasta (ultime due foto in basso nel riquadro).
Vederla ridotta così è sempre un dispiacere!

Rosa rampicante Paul's Scarlet Climber

Veloci da sistemare sono state la Rival de Paestum e la Safrano
La prima l'anno scorso era spennacchiatissima: ero tentata di accorciarla ancora di più, ma alla fine ho desistito. 

Rosa cinese Rival de Paestum

Rosa tè Safrano

Non so se si vede, ma anche la prossima rosa, la Chinensis mutabilis, è stata ridimensionata parecchio: con lei non si dovrebbe fare, ma voglio mantenere dei buoni rapporti coi vicini di casa! La Mutabilis era cresciuta  mostruosamente!


Le tre inglesi Jude the Obscure, Grace e Golden Celebration lo scorso anno sono cresciute poco e non hanno avuto bisogno di grosso tagli!

Rose inglesi Jude the ObscureGrace Golden Celebration

E per finire... La zona delle galliche! Ho potato solo una rosa, la seconda, quella più alta. E' la famosa rosa che mi hanno spedito col cartellino sbagliato. Ci è voluto un intero pomeriggio solo per lei: ho riempito di rami la metà di un sacco nero extralarge.  Questa rosa, come mi è già capitato di dire, non mi piace affatto: è altissima e con pochi fiori piccoli di color rosa Barbie... Io avrei voluto sradicarla e spostarla altrove ma il mio "uomo di fatica", cioè mio padre, si è rifiutato (secondo me perchè non aveva voglia). Siamo giunti, però, a un compromesso: se anche quest'anno supererà i tre metri di altezza  il prossimo anno la toglierà. Intanto io la ho ridotta a 50 cm circa d'altezza. Magari si seccasse... Ma me lo sento che è una pianta immortale! Sprizza salute da tutti i pori!


Ancora pochi giorni e le potature saranno terminate anche per quest'anno! 


Nessun commento:

Posta un commento

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...