lunedì 30 aprile 2018

Una gigante: la Rosa banksiae lutea e le sue sorelle



 SOMMARIO: 

A) Storia 
B) Caratteristiche generali:
  1. dimensioni 
  2. fioritura 
  3. portamento
  4. fiori (banksiae lutea)
  5. posizione e utilizzi
  6. Banksiae e vaso: un binomio possibile?
  7. potatura
C) Varietà
  1.  Rosa banksiae normalis
  2. Rosa banksiae lutea
  3. Rosa banksiae alba plena/Rosa banksiae banksiae
  4. Rosa Banksiae lutescens
  5. Purezza



 AGGIORNAMENTI:
 
- Immagini 2016
- Immagini 2015
- Immagini 2014
- Immagini 2013
- Immagini 2012


Fiori della mia banksiae lutea
Uno dei miei sogni proibiti era avere in giardino una Rosa banksiae lutea: me ne sono innamorata quando un bel mattino di aprile di dieci anni fa, andando a lavorare,  ho alzato gli occhi e ho scoperto che, su un cedro alto una decina di metri accanto al quale ero passata davanti per mesi, si arrampicava una maestosa banksiae lutea, in quel momento all’apice della fioritura.
Ho parlato di questa scoperta al lavoro ed è saltato fuori che la sorella della mia "capa" ne aveva un esemplare in giardino: ho subito chiesto se ne potevo avere un rametto per fare qualche talea e l'autunno successivo mi è arrivato in omaggio un intero fascio di rami lunghi due metri…

La Banksiae Lutea sul cedro lungo la strada di cui mi sono innamorata (2008)
E' stata un'impresa infilarli in macchina! Comunque... Mi sono messa al lavoro e ho taleato i rametti col mio solito metodo. Due talee sono sopravvissute all'inverno, ma solo dopo tre anni hanno fiorito. Sono quindi rimasta a lungo nel dubbio che non si trattasse esattamente della desiderata B. lutea!
Ma dopo la storia della mia banksiae, passiamo a quella della categoria in generale, alle sue caratteristiche ed esigenze. Ecco i risultati dei miei approfonditi studi!



Fioritura 2014 della mia banksiae lutea


A) STORIA

Le banksiae sono coltivate in Cina fina dal Cinquecento, ma sono arrivate in Europa solo tra il Settecento e l’Ottocento. Oggi esistono cinque varietà di Banksiae (vedi fine del post), ma nei cataloghi inglesi di metà Ottocento ne erano presenti ben 24. Fu sir Joseph Banks, un botanico della fine del Settecento e fondatore della Royal Horticultural Society, a sceglierne il nome, in omaggio alla moglie, Lady Banks. Si tratta di una cosa piuttosto ricorrente nella denominazione delle rose: mi vengono in mente, ad esempio, la rosa chiamata Mme Pierre Oger e quella chiamata Mme Alfred Carrière.



B) CARATTERISTICHE GENERALI


1. Dimensioni


Le banksiae possono raggiungere i 15 m di altezza senza problema, hanno rami lunghi e sottili senza spine. La rosa più grande  del mondo, che si trova a Tombstone, in Arizona, è proprio una banksiae banksiae di più di cent’anni: bisogna essere consci delle sue misure quando si colloca una Banksiae nel proprio giardino, insomma! 
Ecco qualche immagine della mia nel 2014 e  nel 2016 per intero:



La mia banksiae nel 2014

La mia banksiae nel 2014

La mia banksiae nel 2014

La mia banksiae nel 2016

2. Fioritura


Tranne la Purezza, tutte le altre banksiae hanno una fioritura unica e precoce (a partire da metà aprile). 


3. Portamento


Tutti i tipi di banksiae hanno un portamento sarmentoso e sono autoportanti. Cioè significa che necessitano di un sostegno solo durante i primi anni dopo l’impianto, finché non si forma un tronco che è in grado di sostenere il peso del resto della pianta.


4. Fiori


I fiori sono piccoli ( 3-3,5 cm di diametro) e riuniti in mazzi spettacolari. La fioritura avviene sul legno vecchio, perciò bisogna far attenzione a non esagerare con le potature!  
I frutti, che vengono prodotti di rado, sono rosso scuro e grandi come piselli. 

La mia banksiae

5. Posizione e utilizzi


Queste rose amano i luoghi caldi, soleggiati e asciutti. Per questo è consigliato piantarle contro un muro o una parete riparata al nord. 
Il tronco può soffrire le brinate e, quand'è maturo, tende a sfogliarsi  assumendo un colore arancio – ruggine. 
Le banksianae sono spesso utilizzate per ricoprire pergolati, muri di cinta di passaggio (perché prive di spine) o abbinate ad alberi molto grandi (come nel caso della rosa vicino a dove lavoro). In quest’ultimo caso la rosa andrà piantata ad una cinquantina di centimetri dal tronco dell’albero.

La tipica sfogliatura dei rami color ruggine sulla mia banksiae lutea (2018)
6. Banksiae e vaso: un binomio possibile?

Sono in molti a chiedersi se la banksiae si possa coltivare con successo anche in vaso. Viste le dimensioni che questa rosa può idealmente raggiungere, in uno spazio così angusto non potrà che essere sacrificata. 
Per fare almeno un tentativo sarà necessario un vaso molto, molto capiente: in rete ho visto suggerire un vaso da 300 l, ma ho anche letto di una persona che la ha tenuta in vaso per una decina di anni in una fioriera da circa 200 l. 
Non escludo, quindi, che con un vaso gigantesco e un'altrettanto gigantesca dedizione nella concimazione si possa riuscire nell'impresa, tuttavia ho conosciuto solo due persone che hanno tentato di coltivarla in vaso e hanno entrambe fallito (una aveva provato con la lutea, l'altra con la Purezza). 
L'alternativa che mi è venuta in mente è la seguente: ci si potrebbe deliberatamente accontentare di tenere la banksiae in vaso per qualche anno, finchè è gestibile. In seguito la si potrebbe taleare, ottenendo così un nuovo esemplare per  iniziare un nuovo ciclo (senza ulteriori spese). La vecchia banksiae ovviamente potrebbe essere regalata o anche piantata in un parco... Dubito che qualcuno se ne lamenterebbe! 

7. POTATURA

Solitamente le banksiae non si potano, se non ogni tanto allo scopo di tenerle "pulite" e di contenerle.


C) VARIETA



1) Rosa banksiae normalis: è la rosa specie, che proviene dal sud della Cina, dove è utilizzata spesso come siepe per separare i campi.  
Lo sviluppo della pianta è notevole, è priva di spine e a fioritura precoce. 
I fiori sono semplici, con stami dorati e profuma di violette. 


R. Banksiae Normalis
(foto tratta da http://www.lerosediposillipo.it)


R. Banksiae Normalis: immagine tratta dal sito https://oldtearoses.wordpress.com/ (link)
2) Rosa banksiae lutea: arrivò in Europa nel 1824 tramite l’Horticultural Society
Come tutte le banksiae raggiunge notevoli dimensioni e ha un’unica fioritura precoce. 
I fiori sono piccoli e stradoppi, riuniti in mazzetti lungo i tralci e di un colore giallo paglierino molto particolare. 
Non profuma. 
Deriva probabilmente da un incrocio con una rosa cinese gialla. 
E’ la banksiae più rustica e con fioritura più abbondante.

I primi fiori della mia banksiae lutea ( nel lontano 2011)






3) Rosa banksiae alba plena / Rosa banksiae banksiae: è come la Lutea, ma il colore dei fiori è bianco. E’ la prima Banksiae arrivata in Europa, nel 1807. 

Immagine tratta da Renato Photoblog (link)
Immagine tratta da Flickr (link)
4) Rosa banksiae lutescens: è la forma a fiore semplice della B. Lutea, con corolle, però un po’ più grandi.

R. Banksiae Lutescens (fotro tratta da http://www.photomazza.com)

5) Purezza: è un ibrido creato da un italiano, Quinto Mansuino, negli anni Sessanta del Novecento. 
I fiori sono di colore bianco puro.  
A differenza delle altre banksiae le foglie della Purezza sono più scure ed è possibile una leggera rifiorenza.

R. Purezza (foto tratta da http://vivaiolacampanella.com)




7 commenti:

  1. Bel quadro, io con la banksiae alboplena fatta per talea coprii ,anni fa , un cipresso.

    RispondiElimina
  2. belle le rose banksiae.vorrei portarne 1in giardino..già anni ke ci penso...tu ke esposizione mi consigli?..a nord no vero?son sensibili ai venti troppo freddi ho sentito.ciao,risp

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una scelta che non posso che appoggiare! Devo ammettere che la ho piantata senza pensare all'esposizione perché non avevo nessun'altro spazio abbastanza grande per accoglierla... La mia Banksiae lutea è esposta a sud ma si trova in un'angolo della casa molto ventoso!

      Elimina
  3. salve, mi complimento per il sito. Anch'io vado matto per la banksie lutea: ho
    visto una fioritura stupenda, ho chiesto al proprietario che pianta fosse e detto fatto mi ha regalato una piantina che ha prodotto. Problema,però: possiedo un piccolo giardino nel quale non c'è più posto nemmeno per un filo d'erba ma alla banksie non posso rinunciare. Ho pensato di metterla in un vaso a piramide (h. 1 metro, imboccatura sarà 50cmx50). Ha un senso? La pianta crescerà senza soffrire? Eventualmente ne potrà risentire solo la dimensione (ovviamente + contenuta)? Grazie per commenti. Gio Ver

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto scusa per il ritardo! Purtroppo non avevo visto il tuo messaggio!
      Per quanto riguarda la tua domanda non ho risposte certe... Il vaso di cui mi parli è bello grande ma questa rosa è gigantesca! Ma non gigantesca per modo di dire, gigantesca per davvero! Una meravigliosa piovra!
      Secondo me, però, qualche anno in vaso lo può anche fare... La mia banksiae piantata a terra, infatti, fino alla quarta stagione non è cresciuta eccessivamente. Da quel momento in poi, però, ha cominciato letteralmente a raddoppiare di dimensioni nel corso di ogni estate! Credo che adesso superi abbondante i dieci metri quadrati!!!
      Conosco almeno altre quattro persone che hanno solo il terrazzo che proprio la scorsa primavera hanno comprato una banksiae per provare a tenerla in vaso! Non vedo l'ora di sapere da loro come va... A questo punto quindi direi anche a te di tentare! Sta diventando un esperimento collettivo! ;)
      Se la banksiae dovesse crescere proprio stentata potresti sempre regalarla a qualcuno: di certo non faticherai a trovare acquirenti!
      P.S.: grazie per i complimenti per il sito!

      Elimina
  4. Beh, è successo anche a me: di leggere in ritardo, dico. Solo oggi vedo la tua risposta per la quale ti ringrazio molto, Praticamente dopo avere controllato due o tre volte ed avere visto che non c'era riscontro al mio messaggio, ho pensato di avere posto una domanda , senza merito e quindi ho smesso di guardare fino ad oggi.
    Cmq non posso non tentare la coltivazione di questa meraviglia botanica: per adesso la pianta è ancora nel suo vasetto originale ma i rametti sono pieni di germogli e penso che il mese prossimo la metterò nel vasone che terrò sul balcone. Spero proprio di avere successo e cercherò di tenerti informata sugli sviluppi della situazione. Se le persone che conosci e che hanno fatto la mia stessa scelta ti dicono qualcosa sulla banksie in vaso, pubblica, per favore, perchè sono sicuro che altri hanno beneficeranno di queste info. Nel frattempo continua con il tuo bellissimo sito. Grazie ancora e buona serata - gv - non sono anonimo sono gio verdi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Se avrò informazioni a sufficienza ne farò un post! E' un argomento molto interessante!!! Mi raccomando, contribuisci anche tu, quindi! :)

      Elimina

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...